Nella narrativa, nelle parabole e nella favolistica, c'è una costante: il lupo si mimetizza per ingannare sia i sensi dei pastori sia l'attenzione delle pecore adulte che con belati di paura possono attirare la loro salvifica attenzione.

Siamo nel campo simbolico, evocativo, immaginario, non in quello della zoologia, naturalmente. Nella vita digitale dei più piccoli, il lupo ha smesso di travestirsi da agnello: entra nell'ovile tra i belati compiacenti delle pecore adulte. Fuor di metafora: nelle camerette smartphonizzate dei più piccoli entra di tutto. Nel compiacimento adulto verso il piccolo che sa già usare cotanti strumenti "persino più di un grande". Così almeno mi pare. Riflettiamoci con attenzione.


© Marco Brusati
Contatti
Crediti fotografici-Info
MD1-I1 di Chin Onn Ong-free
da Pixabay
Licenza Pixabay

 

 

Fenmed 2000x500
Polis 2000x500
Form222
News 2000x500