banner 1milione di letture

Rgz.jpg

Va bene purificare il linguaggio, ma dove si sta formando davvero non si è ancora arrivati.

Dal 14 maggio «chi cercherà un sinonimo di donna nella versione online del vocabolario Treccani non troverà più parole come "cag*a" o "zoc**la".

Tutti i vocaboli con connotazione dispregiativa - perché lo sono palesemente - sono stati assorbiti dal termine "prostituta" mentre in allegato alla parola "donna" ci saranno riferimenti ad espressioni che ne valorizzino i traguardi intellettuali e sociali (donna di Stato, di legge, di scienza eccetera)» [cf QUI]. 

Nel frattempo, i migliori amici mediali dei ragazzini sempre più bambini continuano a usare parole non solo sessiste, ma gravemente offensive e sessualmente aggressive per le ragazze e le donne.

L'iniziativa di Treccani, pur sollevando un'apprezzabile riflessione di sicuro interesse, magari non andrà proprio ad influire sulle parole e quindi sul pensiero di chi al massimo va su Wikipedia per le ricerche scolastiche; sono quei ragazzini sempre più bambini influenzati in maniera determinante dalle parole, dagli atteggiamenti e dall'onnipresenza mediale dei loro idoli, in primis quelli estetico-artistici che li accompagnano 24/7 nella solitudine dell'inseparabile smartphone, quelli per cui «bi*ch» e «tr**a» non sono dispregiativi, ma sinonimi di ragazza, apprezzata per le sue prestazioni sessuali o per l'erotismo delle sue movenze

In questa palpabile tragedia educativa, le giovanissime finiscono per pagare un altissimo quanto inconsapevole prezzo mediale per l'accettazone sociale, come quando danzano succintamente vestite su Tik Tok un brano che recita: «già vedo da come twerka che è molesta; già muoveva il c**o forte, poi ha messo la sesta; mi sa proprio che questa fa palestra; tutti gli [le, ndrguardano il c**o, ma non gli [le, ndr] interessa (she don’t care) (…); muovi il c**o bi**h [putt*na ndr]; Twerk, twerk, twerk». [cf QUI].

Ecco, va bene purificare il linguaggio, ma dove si sta formando davvero non si è ancora arrivati. Ed è li che forma il pensiero. Ed è li che si forma il senso morale, del bene e del male.

mb5.png[Crediti immagine di copertina a questo link: Persone foto creata da yanalya - it.freepik.com]

 

 


 

Iscriviti alla newsletter