banner ringraziamento 120000 lettori

 FotoJet (2).jpg

«Xanax e Lexotan mi fanno felice». «Soldi, successo, bamba [cocaina ndr], escort: lo voglio qui e lo voglio adesso». «Sedativi full HD lunedì fino a venerdì». «Il mio concept è GHB» [la c.d. droga dello stupro ndr].

Miss Keta, come Junior Cally fino a un paio di settimane fa, non è conosciuta al mondo adulto; è una rapper milanese, si esibisce con la maschera ed è stata invitata al 70mo Festival di Sanremo.

Prima di iniziare a parlarne, è dovuta una premessa: il mio primo editoriale «sanremese» sul progetto artistico di Junior Cally ha dato il via ad un vivacissimo dibattito, ha superato i 450mila lettori ed è stato ripreso da numerose testate tra cui il Corriere della SeraIl Messaggero, Oggi, BillboardDagospiaKorazym. Tutto questo ha avuto due effetti contrastanti: il primo, positivo, di far parlare massivamente del rapporto tra modelli musicali mass-mediali e l'educazione delle giovani generazioni e su cui, piaccia o no, si voglia o no, si sia consapevoli o no, si formano le coscienze nella loro capacità di distinguere il bene dal male e viceversa; il secondo, negativo, di far credere che Junior Cally fosse una voce fuori dal coro a cui addossare responsabilità sue o altrui. Non lo è, anzi, il coro-web di artisti e artiste che piacciono ai ragazzini sempre più bambini dotati di smartphone è molto frequentato.

Detto questo, procediamo nell'analisi del progetto artistico attraverso tre domande: (1) Chi è Myss Keta? (2) Qual è il suo pubblico? (3) Cosa canta oggi sul web? 

(1) Chi è Myss Keta? L'artista è un'esponente del rap italiano al femminile che si presenta sempre con una mascherina sul volto, così da rendere particolarmente misteriosa la sua identità. Graficamente il suo nome si scrive «M¥SS KETA». Di lei si sa solo che è nata a Milano. Il resto è tenuto nascosto. Ha oltre 250mila followers su Instagram e alcuni milioni di visualizzazioni su Youtube.

Myss-Keta.jpg

Mk2.jpg

(2) Qual è il suo pubblico? Qui entriamo nel vivo della questione. E' piuttosto noto che il rap italiano raccolga consensi privilegiati tra i giovanissimi. Tuttavia, abbiamo per la prima volta un'artista di questo genere musicale che dichiara pubblicamente di avere bambini tra i suoi fans. Seguiamola nell'intervista di Linus e Nicola Savino a DJ Chiama Italia, pubblicata il 17 aprile 2019 sul canale YouTube di Radio DJ, visibile QUI. A partire dal minuto 13:23, le viene chiesto un commento su «Myss Keta e i bambini, o le bambine». La risposta dell'artista è questa: «la cosa bella di Myss è che ci sono vari livelli di lettura; diciamo che i bambini percepiscono il lato più divertente (...) poi siamo tutte colorate nei video, fai conto, sia io sia le ragazze... siamo un po' cartoon, quindi mi rendo conto che sono un pochino attirati, ovviamente si parla di altro, si parla di ananas e non di Xananas». 

(3) Cosa canta oggi sul web? Per brevità devo solo accennare -ma lo devo fare- sia al turpiloquio tipico del genere musicale, sia alla connotazione seduttiva di questo progetto artistico, come è possibile constatare di persona nel video di «Pazzeska» da cui è tratto questo fermo immagine. 

mk3.jpg

Concentriamci invece su «Xananas», il brano trattato nell'intervista sopra riportata, di cui riproduco la copertina pixelata: risulta singolare che su questo Blog e tra adulti ci sentiamo in dovere di censurare un'immagine liberamente a disposizione di figli e nipoti. Ma tant'è.

9b38f13c9255dc8d6bedcf25ffa88413.1000x1000x1_censored.jpg

Nel video possiamo vedere l'artista in compagnia di altre ragazze in riva al mare. Tuttavia, la questione educativamente sensibile risiede nel testo, che narra dell’uso di farmaci dopanti o ad effetto psicotropo che si possono trovare anche nelle dispense di casa: lo Xanax e il Lexotan. Entrambe le medicine hanno proprietà ansiolitiche, sedative e ipnotiche; sono a base di benzodiazepine e, secondo il bugiardino di entrambe, possono persino portare allo sviluppo di dipendenza fisica e psichica e, in caso di interruzione brusca, a crisi di astinenza.

Detto questo, rileviamo che l’artista canta «Xanax e Lexotan mi fanno felice», «sedativi in full HD lunedì fino a venerdì», «Lexotan è il downer [rilassante] più chic» per arrivare al mantra del ritornello che fa così: «Xananas: vieni a rilassanti gioia; Xananas: ne prendo un po’ anche una sola; Xananas: peccati di gola; Xananas è sempre l’ora (...)». Ma non è finita: in un verso l'artista canta «il mio concept è GHB», ovvero il Gamma-idrossibutirrato, sostanza finalizzata a curare ansia ed attacchi di panico e che, presa a dosi basse, può generare euforia, aumentare la socialità, il senso di benessere, la sensazione tattile ed il desiderio sessuale; il GHB è, purtroppo e tragicamente, anche una cosiddetta [c.d.] droga dello stupro e che una donna dica di averla come «concept», che tipo di segnale sta dando ai suoi fans, tra cui, per sua ammissione, ci sono anche bambini e bambine? Giudichino i lettori. 

Tuttavia, nell’intervista sopra riportata, Myss Keta afferma che ai più piccoli «si parla di ananas per esempio e non di Xananas» andando ad offrire un altro livello di lettura: per questo ho fatto una ricerca in rete per capire se ci fosse una versione per bambini e magari intitolata «ananas», ma non l'ho trovata: sarei ben lieto di essere smentito. Probabilmente, incontrando i suoi fans-bambini, l’artista canta «ananas» al posto di «Xananas», ma non è chiaro come cambi il resto della canzone; infine, va ricordato che la quasi totalità degli ascolti non avviene dal vivo, ma in rete, dove non è reperibile una versione diversa da quella ufficiale. Le questioni educative, pertanto, rimangono aperte.

Continuando velocemente a scorrere il repertorio, troviamo il brano «Burqa di Gucci» in cui l'artista canta, tra l'altro, di essere «una ragazza casa e keta», riferendosi alla ketamina, un farmaco anestetico che alcuni usano anche come sostanza psicotropa a scopi ricreativi e che, secondo un'intervista rilasciata a Marche Today, è parte del suo nome artistico: alla domanda «Il Keta nel tuo nome viene da ketamina?» la risposta è stata: «Assolutamente sì». Infine, per concludere il panorama delle citazioni, in «Bast*rda da Starbucks» l'artista canta «soldi, successo, bamba, escort: lo voglio qui e lo voglio adesso»; naturalmente, «bamba» è un modo gergale per chiamare la cocaina.

A questo punto mi domando: non è inutilmente rischioso per un'educazione equilibrata che bambini e bambine siano sottoposti a messaggi di questa natura, sia estetica, sia contenutistica? Non sono questi argomenti da trattare in ambito medico scientifico e non in ambito ricreativo, come fa, per sua natura, una canzone? Perché non c'è alcun avviso ai genitori sui temi trattati? 

Concludo ricordando che il problema di fondo non è quello che Myss Keta farà come conduttrice dell'AltroFestival o canterà durante le serate, ma, come scrivevo, è il processo di normalizzazione di progetti come questo, che contribuisce ad abbassare costantemente la soglia critica di chi è chiamato ad educare le nuove generazioni. Credo che sia arrivato il tempo di interrompere questa normalizzazione e chiederci: perché non lasciamo semplicemente i più piccoli a giocare con palloni e racchette, bambole, peluches o  trenini?

Nota.jpg

31.01.2020 - A cura dell'Autore - Questo editoriale è la riedizione di uno scritto pubblicato a marzo 2019. I video cui mi riferisco sono ancora presenti sul Web: perciò i contenuti e le istanze educative di questo editoriale, che evidenziavo 9 mesi fa, rimangono di stringente attualità.

Marco Brusati
* * *
Leggi anche: Dove siamo noi uomini?
* * *
Conferenze
[incontri formativi]
Info & Prenotazioni

Leggi gli scritti in evidenza

Leggi tutto nelle sezioni

 

 

EDITORIALI
SOCIAL NOTES
PILLOLE
CONFERENZE

 

Iscriviti alla newsletter