banner ringraziamento 600000 lettori

Non desti stupore la notizia della sessantina di liceali modenesi minorenni che si ritraevano nude in chat, perché la pratica delle immagini in pose seducenti o ambigue comincia alle scuole medie, con tutto un corollario di chat in cui le ragazzine subiscono ogni forma di proposta e insulto. Un viaggio negli abissi esistenziali che ghiacciano il sangue.

“Le ragazzine oggi si fanno foto come prostitute”: la frase non viene da una vecchietta nerovestita all'uscita di una chiesa sperduta tra campi nebbiosi, ma, dobbiamo dire purtroppo, è stata pronunciata dal Giudice per i Minori del Tribunale di Granada, Emilio Calatayud, intervenuto in un dibattito televisivo riportato da El Mundo; pur scusandosi per la durezza del linguaggio, il giudice ha detto di avere voluto “provocare una reazione nei genitori affinché proteggano i minori da loro stessi”. Nel dibattito conseguente riferito da ABC, a rincarare la dose ci ha pensato Rosa Collado, sessuologa e psicoterapeuta del Centro di Psicologia Álava Reyes di Madrid, non certo un circolo di bigotti sessuofobi, presso il quale si stanno moltiplicando i casi di bambine (sic!) con problemi di autostima perché non stanno fisicamente crescendo come le vorrebbero, ad esempio, i loro followers di Instagram; “le piccole –sostiene la psicologa- apprendono dalla più tenera infanzia a vedersi come oggetti; la loro qualità come persone è valutata in funzione dell’attrazione fisica e sessuale, invece che per le loro capacità e attitudini”. A farle da eco è intervenuta María Contreras, coautrice del libro “Neuropsicologia della Sessualità”: in Internet, ragazzine sempre più bambine, scambiano e diffondono foto con posizioni seduttive o a sfondo sessuale “per conseguire popolarità, fiducia e sicurezza”, per essere accettate da parte del gruppo, con il risultato che ormai si è diffusa la convinzione che “per avere successo nella vita devi provocare, essere carina” e sedurre.

Non desti dunque stupore la recentissima notizia della sessantina di liceali modenesi minorenni, che la scorsa estate hanno creato una chat di Whatsapp in cui si sono ritratte nude; da "segreta", la chat è divenuta "pubblica" e le foto hanno cominciato a circolare tra i compagni di scuola, come riferisce Qn-Il Resto del Carlino. Non desti stupore, dicevamo, perché la pratica delle immagini in pose seducenti o ambigue comincia molto, troppo presto, anche alle scuole medie. Basta visitare alcuni profili pubblici di Instagram aperti da ragazzine del 2005 e le discussioni anonime che la chat Thiscrush, collegata a Instagram, permette di fare: è una doccia fredda, un colpo al cuore entrare in questi abissi esistenziali con migliaia e migliaia di insulti sessuali, parolacce, commenti su parti del corpo femminile più o meno sviluppate di ragazzine di (forse nemmeno) 12 anni, che si sono esposte con foto più o meno evidenti o che hanno raccontato o fatto intuire le loro esperienze a sfondo erotico con coetanei; fa tremare di paura leggere di anonimi che propongono rapporti sessuali a ragazzine (forse appena) puberi, di cui si sa come si chiamano, dove abitano, quanti anni hanno e che scuola frequentano. Si capisce, da cosa e come scrivono, che moltissimi sono coetanei e coetanee della stessa scuola media, ma si intuisce che ci sono anche adulti deviati e perversi. 

Purtroppo dobbiamo constatare che la quasi totalità del mondo educante, in scuole, oratori e parrocchie, si sta girando dall’altra parte, rispondendo, a chi sollecita il problema, di non fare di tutte le erbe un fascio o di non demonizzare tutto; così,  si preferisce parlare di bullismo, di rispetto e di una serie crescente di fobie e para-fobie, piuttosto che andare in rete a vedere cosa fanno coloro che siedono tra i banchi di scuola o nelle aule del catechismo, per il loro stesso bene, oltre che per la loro salute mentale ed il benessere. E non si tratta, purtroppo, di un fenomeno circoscritto o deviante, ma di una tendenza che rischia di interessare la totalità delle prossime generazioni. Forse il mondo educante non sa o non vuole sapere, perché fa davvero male vedere la tragedia di migliaia di ragazzine che, lasciate sole, si espongono a ripetuti messaggi violenti a sfondo sessuale, che potremmo chiamare pure "violenza sessuale mediale"; il tutto, credendo di guadagnare punti nel gruppo ed un attimo di gloria, che, lo sappiamo, svanisce nel tempo di un click, lasciando un vuoto ancora più profondo da colmare.

Marco Brusati

 

Contatti: QUI
Conferenze Multimediali: QUI
Editoriali TOP: QUI

Altri editoriali, scorri la barra qui sotto

Data:30 Agosto 2017
Lettori:17304
Data:19 Gennaio 2017
Lettori:5575

 

Iscriviti alla mia newsletter

Per ricevere la newsletter con i miei articoli, approfondimenti e studi, lascia i tuoi dati
Privacy e Termini di Utilizzo